Scheda dell'artista

Hidetoshi Nagasawa

"Sono vent'anni che spingo perché il giardino ritorni ad essere arte..."

E' nato a Tonei, in Manciuria, nel 1940. Dal 1967 vive elavora a Milano, dove è arrivato in bicicletta dal Giappone.

Frequenta il corso di "Architettura e Interior Design" della Tama Daigaku di Tokyo Tokyo. Alla fine della guerra, deve fuggire in Giappone, attraversando il mare in barca, un viaggio molto pericoloso che segnerà il suo destino e ispirerà un buona parte della sua produzione artistica, attraverso il tema della barca.
Dopo un lungo viaggio in bicletta attraverso l'Asia, nel 1967 arriva a Milano, dove ancora oggi vive e lavora. A Milano stringe un sodalizio intellettuale ed artistico con Fabro, Tonello e Trotta.
Espone in tutto il mondo in importanti appuntamenti nazionali ed internazionali e numerose sono anche le sue istallazioni permanenti all'aperto.
Insegna alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.
La natura e la memoria collettiva, costituiscono i principali punti di riferimento della poetica di Nagasawa e da esse egli attinge le forme come fossero fonti o sorgenti d'immagini. In sintesi per Nagasawa l'arte altro non è che la natura creata dall'uomo.

Tra le istallazioni permanenti:
Su logu de s'iscultura", Tortolì "Il Giardino di Mirto" -
La stanza di barca d'oro, a Fiumara d'arte

In Toscana, per la Fattoria di Celle a Pistoia, ha realizzato Iperuranio
A Certaldo ha realizzato Il Giardino della casa del tè

In rete

Il giardino come scultura (intervista a cura di massimiliano Crippa)
http://www.nipponico.com/dizionario/n/nagasawahidetoshi.php

Il giardino di mirto - Tortolì
http://xoomer.virgilio.it/mari.pisano/blog/foto2.htm

Qualche opera

Ombra di angelo - 1993, Acciaio e ottone
Tempo Zero - 1992, Pietre e cera
Crepuscolo - 1998, Ferro, vernice, rame, plexiglas, lampade fluorescenti http://www.targetti.com/eng/htm/artlight/artlight_collection_604.html

torna indietro