per trasferire su pc il testo in formato .doc o .rtf
dinamiche.rtf (37 KB)
dinamiche.doc (73 KB)

PROGETTO ELEGìA

Educazione alla Legalità: un metodo per la ricerca di Autonomia

SEMINARI TENUTI DAL DOTT. CALAMANDREI

"Assetto mentale dell'insegnante vittima o protagonista di fronte alle dinamiche comportamentali e relazionali del gruppo classe"

Stefano Calamandrei: cenni biografici

Nato a Firenze nel 1956, dove risiede e lavora, e dove ha compiuto gli studi. Si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1981 e si è specializzato in Psichiatria nel 1985. Dal 1989 lavora come Medico-Psichiatra nel SSN, nella ASL di Firenze. In seguito è divenuto Psicoanalista Membro Associato della Società Psicoanalitica Italiana, affiliata della International Psychoanalitical Association. Da qualche anno l’attività clinica lo ha indirizzato verso il mondo della scuola effettuando interventi non solo mirati ai casi clinici, ma soprattutto nello studio delle dinamiche istituzionali. Questo attraverso l’osservazione della Unità Scuola in un’ottica psicoanalitica di Gruppo, con particolare attenzione al disagio degli insegnanti, alle dinamiche psicologiche spesso inconsapevoli che animano ed a volte ostacolano il gruppo dei docenti. Il lavoro di supervisione dei casi clinici diventa così un’occasione di crescita del gruppo, di manifestazione e stemperamento delle tensioni accumulate, di ripristino dell’unità del gruppo verso uno stesso compito operativo.

 

Il lavoro che abbiamo svolto durante i seminari, è stata una ricerca ed un approfondimento, attraverso l’analisi dei casi clinici e delle esperienze didattiche dei partecipanti, del rapporto psicologico che si viene ad instaurare tra un insegnante e la sua classe.

La nostra attenzione si è concentrata soprattutto su quella particolare situazione dinamica e relazionale che è l’apprendimento. Per ogni essere umano le norme, le abitudini di lavoro diventano facilmente delle regole di condotta, dei ruoli istituzionali da ricoprire, da cui siamo spesso inconsapevolmente condizionati. Il fatto di mantenere e ripetere gli stessi comportamenti e le stesse norme, in modo rituale, permette di lavorare al livello di minor dispendio "energetico" (nel senso psicologico del temine) possibile.

Ogni cambiamento, eccezione, rottura delle regole e delle abitudini genera ansia. Il prezzo che si paga per questa tranquillità e sicurezza è la riduzione, se non la paralisi, delle capacità di apprendimento e la trasformazione di questi strumenti nell’esatto contrario di ciò che dovrebbero essere, ossia in un mezzo di alienazione dell’essere umano.

Abbiamo perciò analizzato l’assetto mentale dell’insegnante, inserito nella rete dei rapporti istituzionali che lo condizionano, e cioè riferendoci sia alla sua partecipazione al gruppo degli altri insegnanti, sia all’appartenenza "all’istituzione" scuola.

Quando ci si trova all’interno di un gruppo, di qualsiasi genere, si è coinvolti in una rete di emozioni, difficilmente comprensibile, che è data dall’insieme dell’emotività di ogni singolo partecipante. Possono prevalere vari sentimenti all’interno di un gruppo ed è naturale adeguarvisi, pena l’esclusione.

Gli insegnanti in una scuola formano un gruppo quasi mai riconosciuto che, al di là delle riunioni formali, non ha una sua vita organizzata. Si riunisce come collegio dei docenti, come consiglio di classe o commissione, ma mai come gruppo di lavoro, che riflette su se stesso, che si incontra in un determinato luogo o tempo.

Questo inevitabilmente crea degli ostacoli al lavoro della scuola. L’accumulo dei sentimenti nel gruppo porta, prima o poi, alla loro manifestazione incontrollata, se non hanno un posto dove potersi esprimere e venire elaborati .

Avviene qualcosa di simile a quanto si verifica nei paesi privi di democrazia parlamentare. Se non si dà voce ad un’opinione attraverso modalità democratiche che garantiscono la libera espressione, come nella democrazia parlamentare, c’è il rischio che il dissenso trovi altre strade per farsi ascoltare, che possono arrivare fino al sabotaggio.

Ritornando ai docenti, le tensioni emotive che si creano nel gruppo e che non possono essere elaborate, finiscono per ostacolare il lavoro dei singoli insegnanti ed in generale il clima della scuola.

Sono le stesse tensioni che appaiono sotto forma di screzi individuali, rivalità, la costituzione di sottogruppi, mobbing. Tutte queste difficoltà si indirizzano automaticamente verso la situazione paralizzante per eccellenza, innescando il meccanismo primitivo ed incontrollabile del "capro espiatorio".

Ma a scuola non esiste solo il gruppo dei docenti; c’è tutta una istituzione intorno, che dovrebbe essere a sostegno ed a protezione dell’attività didattica.

La scuola di per sé, come istituzione, ha regole, norme, vita sua propria, altrettanto condizionanti, derivanti dalla struttura, dai rapporti di lavoro improntati in stile gerarchico e dalla presenza di diverse professionalità ( dirigente, docenti, personale ATA), che partecipano della sua vita e la determinano.

Accogliendo in sé il gruppo degli insegnanti, questo insieme più grande (edificio, struttura, organizzazione scuola), funziona come "contenitore" dell’azione educativa. Non è infrequente che tra i gruppi (degli insegnanti e dell’altro personale) ci siano degli attriti o altri tipi di tensione oppure che non si verifichi quella ottimale sinergia necessaria a sostenere il suo buon funzionamento.

In posizione diversa, in parte interna ed in parte esterna alla scuola, si trova il gruppo dei genitori degli alunni che ha un grosso carico emotivo e di fronte al quale spesso l’insegnante si trova solo.

Non esiste solamente la singola famiglia, con i suoi problemi, esiste anche il gruppo dei genitori, che è una fetta particolare di società. Non solo comunica come ogni gruppo il proprio disagio sociale, ma proietta particolarmente sulla scuola le ansie e le preoccupazioni per il futuro dei figli. E’ una pressione che mira a controllare la professionalità dell’insegnante e che può essere vissuta come particolarmente intrusiva. L’ansia dei genitori ha una qualità ed una richiesta di attenzione particolare, che non va sottovalutata, o peggio negata, con un atteggiamento di sufficienza. Vuol dire che già quest’ansia si è insinuata nella scuola e viene vissuta sul versante dei docenti come una critica alla propria professionalità, e può manifestarsi come un senso di svalutazione di sé, di disistima per il proprio lavoro.

Finalmente si può, ma solo ora, entrare in classe, e tutto quello che si è detto e tanto altro ( le condizioni del contratto di lavoro, lo stipendio percepito, i problemi familiari, la propria storia individuale, le motivazioni che hanno spinto a scegliere questo lavoro) non rimane fuori dalla porta, ma occupa, anche se non lo vogliamo percepire una parte cospicua della nostra mente, e ne condiziona l’umore.

Siamo in classe e l’insegnante si deve confrontare con il gruppo alunni , che, proprio perché formato da menti giovani, è più immaturo ed istintivo degli altri. Ma ha una qualità che agli altri gruppi manca (se escludiamo la particolare dinamica tra il gruppo docenti ed il proprio preside), quella cioè di cercare la persona che sta dentro ad ogni docente. E viene cercata da queste emozioni primitive ed intense perché ha bisogno di una risposta qualitativamente specifica. E solo quella può interrompere la richiesta.

Ogni altra risposta, soprattutto se nega la specificità emotiva, come la risposta autoritaria, genera solo ripetizioni del problema infinite e fini a se stesse. Da qui la necessità d’essere consapevoli di queste dinamiche, per non trovarsi ad agire risposte senza capire il senso più profondo del problema, e contando solo sull’intuito e l’esperienza. Può capitare allora che l’insegnante venga a trovarsi sempre più in difficoltà e non riesca, col solo strumento disciplinare, a risolvere la dinamica emotiva. In questo caso la persona insegnante è esposta ad una intensa sofferenza personale, con il rischio di scivolare nella utilizzazione unicamente della punizione, come unico strumento capace di ripristinare il buon lavoro. E cadere così, senza rendersene conto, poiché sono in gioco le emozioni più profonde, in uno scontro di volontà, una lotta di potere.

Dopo una riflessione su questo assetto, e proprio partendo da questo, abbiamo potuto più facilmente vedere come un docente interagisce con la singola mente dell’allievo, analizzata anch’essa come l’emergente d’un gruppo classe estremamente condizionante. Ma quante considerazioni abbiamo fatto prima di arrivare a questo attimo cruciale!

Nel momento dell’apprendimento, così delicato, le due menti dovrebbero trovarsi in un particolare stato di apertura reciproca, mentre i vari condizionamenti istituzionali, che ho cercato qui brevemente di esplicitare, silenziosamente agiscono d’ostacolo al buon lavoro.

Per meglio riflettere sulle dinamiche psicologiche in cui è immersa e condizionata la mente infantile dell’allievo abbiamo osservato il classico mito greco di Edipo. Questo si presta molto bene per poter studiare l’intersezione tra l’asse orizzontale dell’inserimento in un contesto relazionale (il rapporto tra il singolo e la classe, e l’inserimento nel gruppo dei pari) e l’asse verticale della crescita psicologica del bambino che, come nel mito, si trova ad affrontare gli enigmi della Sfinge.

L’insegnante spesso ricorda al ragazzo questa figura minacciosa, non ancora ben elaborata nel suo percorso individuale, così che l' allievo è costretto a chiedere più attenzione ed in un modo magari particolare, a volte molto difficile da capire. L’intensità del disturbo causato è correlata alla capacità di attenzione ed alla flessibilità della mente dell’insegnante. Questa è tanto meno libera quanto più è imbrigliata nei meccanismi istituzionali, e perciò ha minori capacità di recupero, e di poter capire quale sia la migliore risposta qualitativa.

La replica quantitativa, come ho già detto, è il ricorso alla disciplina, all’autorità, ma in queste situazioni, dove il ragazzo cerca una particolare risposta psicologica, e solo quella specifica per lui, rischia di apparire più che altro come rappresaglia di un gioco di potere. E questo purtroppo può causare, come spesso capita, l’instaurazione di un circolo vizioso, se osservato dal lato dell’allievo, sempre più drammatico, che può portare fino alla sua esclusione e, prima o poi, al suo abbandono scolastico.

Come è emerso nel seminario, una delle più difficili "ricerche emotive" da gestire per gli insegnanti, nel rapporto educativo con gli allievi, è la reazione, più tipica dell’età dell’adolescenza, e sempre più frequente, del disinteresse. Questi giovani chiedono qualcosa ma in modo passivo, silenzioso: una protesta sorda. Spesso la interpretiamo come mancanza di interesse, di impegno, di stimoli, anche come scarsa intelligenza, ed invece è la forma attualmente più comune di richiesta d’attenzioni. Una delle più difficili e dolorose da affrontare.

Abbiamo analizzato come questo fosse dovuto ad una serie di fattori complessi, non tutti a carico esclusivamente della scuola. Ma con cui la scuola si trova costretta a confrontarsi.

Proprio per questo e per capire meglio la struttura della personalità Borderline, in parallelo all’analisi dei miti, si è anche confrontato questi con la "mitologia" scientifica contemporanea. Ovvero le tabelle diagnostiche del DSM 4°, il manuale statistico diagnostico, messo a punto dalla American Psychiatric Association che fa testo in tutto il mondo per l’individuazione e classificazione dei disturbi psicologici e psichiatrici di bambini ed adulti. Abbiamo osservato soprattutto quella parte che riguardava i disturbi del comportamento infantile non francamente patologici. (Vedi le Tabelle Allegate in Appendice).

 

 

 

Bibliografia essenziale:

 

A proposito della tragedia e del mito di Edipo:

Vernant e Vidal-Naquet "Mito e tragedia nell’antica Grecia" – Einaudi.

J-P Vernant "Tra mito e politica" – Raffaello Cortina.

J-P Vernant "Le origini del pensiero greco" – Editori Riuniti.

Sul capro espiatorio ed i movimenti gruppali d’esclusione del diverso:

R. Girard – "La violenza ed il sacro" – Adelphi.

Sulla psicologia dell’apprendimento:

K. Lewin – "Teoria dinamica della personalità" – Giunti.

DSM-IV - "Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali" – Masson

J. Bleger – "Psicoigiene e Psicologia istituzionale" – Libreria Editrice Lauretana.

C. Chiland – "Quando e come punire i bambini" – Cortina.

 

APPENDICE - TABELLE DIAGNOSTICHE DEL DSM IV

 

CRITERI DIAGNOSTICI PER IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA’

  1. 1. Sei (o più) dei seguenti sintomi di disattenzione sono persistiti per almeno 6 mesi con una intensità che provoca disadattamento, e che contrasta con il livello di sviluppo:

 Disattenzione

 (a) spesso non riesce a prestare attenzione ai particolari o commette errori di distrazione nei compiti scolastici, sul lavoro, o in altre  attività 

(b) spesso ha difficoltà a mantenere l'attenzione sui compiti o sulle  attività dì gioco 

(c) spesso non sembra ascoltare quando gli si parla direttamente 

(d) spesso non segue le istruzioni e non porta a termine i compiti scolastici, le incombenze, o i doveri sul posto di lavoro (non a causa di comportamento oppositivo o di incapacità di capire le istruzioni) 

(e) spesso ha difficoltà a organizzarsi nei compiti e nelle attività 

(f) spesso evita, prova avversione, o è riluttante ad impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale protratto ( come compiti a scuola o a casa) 

(g) spesso perde gli oggetti necessari per i compiti o le attività (per es., giocattoli, compiti di scuola, matite, libri, o strumenti) 

(h) spesso è facilmente distratto da stimoli estranei 

(i) spesso è sbadato nelle attività quotidiane 

2. Sei (o più) dei seguenti sintomi dì iperattività-impulsività sono persistiti per almeno 6 mesi con una intensità che causa disadattamento e contrasta con il livello di sviluppo: 

Iperattività

  1. spesso muove con irrequietezza mani o piedi o si dimena sulla sedia
  2. spesso lascia il proprio posto a sedere in classe o in altre situazioni ci si aspetta che resti seduto 
  3. spesso scorrazza e salta dovunque in modo eccessivo in situazioni in cui ciò è fuori luogo (negli adolescenti o negli adulti, ciò può limitarsi a sentimenti soggettivi di irrequietezza) 
  4. spesso ha difficoltà a giocare o a dedicarsi a divertimenti in modo tranquillo 
  5. è spesso "sotto pressione" o agisce come se fosse "motorizzato" 
  6. spesso parla troppo 

Impulsività 

(g) spesso "spara" le risposte prima che le domande siano state completate 

(h) spesso ha difficoltà ad attendere il proprio turno 

(i) spesso interrompe gli altri o è invadente nei loro confronti (per es. si intromette nelle conversazioni o nei giochi) 

B Alcuni dei sintomi di iperattività-impulsività o di disattenzione che causano compromissione erano presenti prima dei 7 anni di età 

C. Una certa menomazione a seguito dei sintomi è presente in uno o più contesti (per es. a scuola - o al lavoro - e a casa) 

D. Deve esservi una evidente compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico, o lavorativo. 

 

Criteri diagnostici per Disturbo della Condotta

  1. Una modalità di comportamento ripetitiva e persistente in cui i diritti fondamentali degli altri o le principali norme o regole societarie appropriate per l'età vengono violati, come manifestato dalla presenza di tre (o più) del seguenti criteri nei 12 mesi precedenti, con almeno un criterio presente negli ultimi 6 mesi: 

Aggressioni a persone o animali 

  1. spesso fa il prepotente, minaccia, o intimorisce gli altri 
  2. spesso dà inizio a colluttazioni fisiche, ha usato un'arma che può causare seri danni fisici ad altri (per es. un bastone, una barra, una bottiglia rotta, un coltello, una pistola) 
  3. è stato fisicamente crudele con le persone 
  4. è stato fisicamente crudele con gli animali 
  5. ha rubato affrontando la vittima (per es., aggressione, scippo, estorsione, rapina a mano armata) 
  6. ha forzato qualcuno ad attività sessuali.

Distruzione della proprietà 

  1. ha deliberatamente appiccato il fuoco con l’intenzione di causare seri danni
  2. ha deliberatamente distrutto proprietà altrui (in modo diverso dall’appiccare il fuoco). 

Frode o furto

  1. (a)è penetrato in un edificio, un domicilio, o una automobile altrui 

(b)spesso mente per ottenere vantaggi o favori o per evitare obblighi (cioè, raggira gli altri)

(c)ha rubato articoli di valore senza affrontare la vittima (per es. furto nei negozi, ma senza scasso; falsificazioni). 

Gravi violazioni di regole 

  1. spesso trascorre fuori la notte nonostante le proibizioni dei genitori, con inizio prima dei 13 anni di età 
  2. è fuggito da casa dì notte almeno due volte mentre viveva a casa dei genitori o di chi ne faceva le veci (o una volta senza ritornare per un lungo periodo) 
  3. marina spesso la scuola, con inizio prima dei 13 anni di età. 
  1. L'anomalia del comportamento causa compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico o lavorativo.

 

Criteri diagnostici per Disturbo Oppositivo Provocatorio 

 

  1. Una modalità dì comportamento negativistico, ostile, e provocatorio che dura da almeno 6 mesi, durante i quali sono stati presenti 4 (o più) dei seguenti: 
  1. spesso va in collera
  2. spesso litiga con gli adulti
  3. spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare la/le richieste o regole degli adulti 
  4. spesso irrita deliberatamente le persone 
  5. spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio cattivo comportamento 
  6. è spesso suscettibile o facilmente irritato dagli altri 
  7. è spesso arrabbiato e rancoroso 
  8. è spesso dispettoso e vendicativo 
  1. L’anomalia del comportamento causa compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico o lavorativo.