posta1bibliotecaEdicolascuolaanagrafeemporio
classidocentitutor

 

  Docenti  
 


Suilvana Biasutti

Nata a Milano 31/03/40
Accademia di Belle Arti (Decorazione e Storia dell’Arte/1958-61) con Achille Funi e Guido Ballo.
Lingue: francese (lingua madre) e inglese; nozioni base di: arabo, spagnolo, tedesco.-

1960 – 1965

Entra a “la Rinascente” e fa parte, come graphic designer, del gruppo di lavoro coordinato da Augusto Morello (marketing strategico): collabora con Bruno Munari, Albe Steiner, Pino Tovaglia, Eero Saarinen, e con i maggiori fotografi, grafici e designer che fanno parte, come consulenti, dell’Ufficio Sviluppo dell’azienda; partecipa all’organizzazione delle grandi mostre che diffondono prodotti e cultura di Messico, India, Giappone.

Nel 1961 collabora con Umberto Eco e Roberto Leydi, curando l’editing fotografico di “Shaker, il libro dei Cocktail” pubblicato da Amilcare Pizzi Editore per conto delle Grandi Marche Associate, prima esperienza di editoria promozionale.

1966-1970

Come art director dell’agenzia “Euroteam”, cura il lancio pubblicitario delle Pagine Gialle; la campagna promozionale SIP (Telecom), in favore dei servizi opzionali; il lancio promozionale e la campagna pubblicitaria del complesso residenziale Milano San Felice.

1970-1979

Entra a far parte del gruppo internazionale “Publicis Conseil” come direttore creativo per l’Italia.

Cura il lancio della televisione a colori in Italia, per conto di Philips, della cui strategia di comunicazione è responsabile. Cura i primi progetti di comunicazione per promuovere prodotti turistici di alta qualità (Kuoni, Air Lingus); è responsabile delle strategie di comunicazione di Ciba-Geigy, Dim-Rosy, Nescafe, Europcar, Dixan, Max Factor, Yardley, Old Spice, Pernigotti, e di alcuni periodici Rizzoli (Amica, Astra).

1979-1997

Entra nel gruppo AME(Arnoldo Mondadori Editore), come direttore della comunicazione del gruppo (prodotti e corporate), poi anche come direttore delle relazioni esterne e delle relazioni istituzionali.

Cura l’attività di comunicazione in favore di libri e periodici (Panorama, Epoca, 100 cose, Grazia, Marie Claire, Donna Moderna, Guida Cucina, Guida TV, Topolino, Dolly, Auto Oggi, Espansione, …); mettendo in atto tutte le integrazioni e sinergie rese possibili dalla contemporanea conoscenza di collane e autori (italiani e stranieri), giornalisti, personalità della cultura e delle istituzioni, utenti pubblicitari di rilevanza nazionale e internazionale e progetti culturali di istituzioni e gruppi privati. Qualche azione particolare tra le altre:

  • Il lancio della collezione Harmony, creata per un pubblico popolare, a basso tasso di lettura;
  • Il rilancio della collana Oscar Mondadori, rivisitata per le nuove generazioni di giovani adulti e di studenti;
  • La collaborazione con G. Garcia Marquez, per impostare l’immagine della serie dei suoi romanzi di cui cura anche le copertine, prescelte poi dall’autore per le sue edizioni in tutto il mondo.
  • La creazione di ‘Epoca per i non vedenti’, un modello per dare autosufficienza nella letturadelle news e dei giornali, anche a non vedenti e sub vedenti; un progetto impostato per instaurare un nuovo rapporto (al di là del puro business) con lettori, clienti e cittadini;
  • “Libri aperti alla Mondadori” , evento lungo tutto un mese, con fitto calendario di incontri tra autori, i lettori e l’editore,rappresentato da tutto il primo livello del comparto editoriale.

Come responsabile delle relazioni esterne tiene rapporti con autori e personalità, università (italiane e straniere), premi letterari (seguendo la partecipazione degli autori); cura la partecipazione e gli eventi a mostre, saloni e fiere del libro (nazionali e internazionali); è responsabile dei rapporti con tutte le reti televisive e i media di altri gruppi, per favorire sinergie valorizzando l’identità specifica di media tra loro diversi, degli autori, dei generi letterari.

Nel 1991, su incarico congiunto, dell’Editore e dell’Associazione Italiana degli Editori, contribuisce alla creazione della Festa del Libro, rilanciando il tema della lettura in Italia.

Inoltre, dal 1994 ha l’incarico di individuare opportunità per i prodotti editoriali nell’ambito di istituzioni, enti (pubblici e privati), pubblica amministrazione, settore nonprofit. Per quest’ultimo settore, in particolare, verifica le potenzialità per promuovere attività di CRM (cause related marketing).

Nell’ambito del gruppo, per il marchio Electa, crea relazioni e presupposti per libri collegati a eventi e mostre sponsorizzati da utenti pubblicitari (v. Codice Leicester – Microsoft), cogliendo sia le opportunità offerte dal mercato, sia le richieste dell’utenza pubblicitaria che ricerca nuove idee di comunicazione (più in sintonia con i nuovi stili culturali dei consumatori), e nuovi approcci che rafforzino l’immagine di aziende e prodotti, testimoniando anche più attenzione per i temi sociali.

Individua il progetto della Regione Toscana “I Luoghi della Fede”, per la valorizzazione del patrimonio storico-religioso, lo acquisisce per conto della casa editrice, collabora alla sua definizione e alla pubblicazione dei 25 volumi che ne fanno parte.

Tiene le relazioni con il Ministero degli Affari Esteri e gli Istituti di cultura; con il Ministero della Pubblica Istruzione, con la Fondazione Bellonci (premio Strega), con il premio Grinzane Cavour, con il Ministero dei Beni Culturali e con le Camere; instaura rapporti con la Croce Rossa e con il Summit della Solidarietà (di cui diviene consigliere), con l’Ospedale San Raffaele, con le principali agenzie di soccorso (tra cui Medici Senza Frontiere, Emergency e Survival), e per alcune di loro promuove operazioni di fund raising tramite i periodici del gruppo Mondadori.

Cura inoltre i rapporti tra la casa editrice e Comuni, Regioni, UE, e con consorzi e associazioni.

Con Confartigianato pubblica il primo Annuario dell’Artigianato Italiano di qualità.

Segue gli eventi promossi dalle agenzie dell’ONU, individuandone i possibili risvolti editoriali.

Dal 1998:

Propone e cura progetti di comunicazione per aziende e istituzioni.

In particolare, a queste ultime propone attività di comunicazione a supporto del territorio e dei suoi prodotti, dei beni culturali e artistici, delle politiche sociali, e per la promozione delnonprofit.

Fa consulenza ad associazioni del terzo settore, per creare sinergie con imprese private e conseguenti operazioni di ‘cause related marketing’.

Individua le attività di comunicazione (incluse quelle editoriali) opportune per affermare valori, per sviluppare attività produttive, per migliorare le relazioni con il pubblico, per creare opportunità di lavoro. Tra l’altro:

- dal 1996 al 1998, in vista del Giubileo, è consulente dell’Azienda Agricola Regionale di Alberese, per le attività di marketing e di comunicazione e per il programma europeo L E A D E R II;

- dal 1998al 2001 fa consulenza di comunicazione, tramite l’Istituto degli Innocenti di Firenze, al gruppo di lavoro che attua la Legge Regionale 72/97 (per la promozione dei diritti di cittadinanza e le pari opportunità);

- dal 1997 al 2000 rappresenta l’Italia nel gruppo di esperti per i programmi culturali dell’Unione Europea (D. G. 10), delegata dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero dei Beni Culturali;

nel 2003 viene coinvolta dall’Amministrazione Provinciale di Siena nelle attività di comunicazione a supporto del Programma di “Agenda 21”.

PROGETTI PARTICOLARI

Nel 1998, sulla scia di un evento nonprofit, in cui ha coinvolto il Consorzio del vino Brunello, e con l’obiettivo di partecipare al consolidamento dell’immagine di Montalcino, e di sperimentare nuovi format di comunicazione, crea il marchio, “I Colori del Brunello”.

Il marchio, immaginato per legare il famoso vino a valori non solo enologici, ma anche più etici, tiene conto di concetti collegati tra di loro in modo naturale: alta qualità (dei prodotti e della denominazione), cultura, risorse ambientali, solidarietà, stili di vita innovativi.

Nel 2000, collaborando con l’Azienda USL9 /Grosseto, propone il progetto “Salute al Cibo”, marchio che connota il ciclo di convegni nell’ambito dei programmi di prevenzione e di educazione alla salute, a cui partecipa l’Amministrazione Provinciale di Grosseto per promuovere, allo stesso tempo, i prodotti tradizionali di qualità; ne cura il programma, e collabora alla sua realizzazione scegliendo relatori, temi e argomentazioni (Scansano / vino; Cinigiano / olio; Sorano / latte; Arcidosso / castagne e funghi; Campagnatico / miele; Santa Fiora / l’acqua; Manciano / cereali e legumi).

Nel 2001 propone all’Assessorato allo Sviluppo Rurale dell’Amministrazione Provinciale di Grosseto l’Agendabook ofdays“Un Anno in Maremma”, che promuove i prodotti agricoli di qualità, i vini, le tradizioni, il paesaggio e lo stile della ruralità; scrive la maggior parte dei testi e cura la realizzazione editoriale.

Ancora nel 2001, invitata dalla Consulta per il Volontariato della Provincia di Siena, crea il marchio e il nome per la festa associativa, “Vola il Volontariato”.

Nel 2002 imposta e definisce, su invito dell’Arciconfraternita di Misericordia di Siena, il progetto a cui dedicare un lascito che questa ha ricevuto ( 277 ha. di terra), proponendone infine il nome, che viene adottato: “I Cinque Poderi della Misericordia”.

Per l’associazione Toscana Cereali, crea il marchio, e le confezioni, per la pasta alimentare prodotta esclusivamente con frumento da agricoltura integrata, “La Tosca”.

Dal 2002 lavora autonomamente alla creazione dell’agenda “Un Anno a Montalcino”, concepita per creare attenzione al paesaggio agricolo e, ancora una volta, legare il famosissimo vino al suo contesto ambientale, paesaggistico e sociale. L’agenda è pubblicata alla fine dell’anno 2003 con il titolo “Un Anno in Toscana”-I Giorni di Montalcino-

Nel 2003 crea il diario scolastico “Teo”, basato su un personaggio – un bambino chiamato Teo –che accompagna i giovanissimi utenti del diario in un viaggio nei prodotti genuini della Maremma con riflessioni ‘globali’ sul cibo; il diario è scelto dall’Amministrazione Provinciale di Grosseto.

Nell’ottobre 2003, con il marchio “I Colori del Brunello” organizza – a Milano, al Teatro Studio Strehler – una serata per premiare, con una collezione di bottiglie di Brunello di Montalcino, un giornalista e un pubblicitario che si sono distinti per il loro operato in favore del mondo della disabilità (2003 è l’anno del disabile); raccoglie il consenso di quarantacinque aziende produttrici, e alla serata –condotta da Paola Saluzzi e Philippe Daverio- intervengono più di cinquecento persone.

ATTIVITA’ DI DOCENZA

1986-1996

Docente del corso di Strategie di Comunicazione: Scuola di Giornalismo e Management dell’impresa editoriale, LUISS Roma.

1996-2000

Svolge attività di formazione nell’ambito dei programmi a sostegno dell’imprenditoria femminile (tra cui alcuni a sostegno di imprenditrici bosniache e albanesi) del Women’s World Banking (Donne della Banca Mondiale), a cui è associata.

Dal 1998

Svolge saltuaria attività di formazione, quale docente di strategie di comunicazione presso università, e consorzi di formatori.

 Nel 2003

Organizza l’incontro dell’Arciconfraternita di Misericordia di Siena con il mondo del nonprofit nazionale (Rai, Forum Permanente, Summit della Solidarietà) propedeutico al proseguimento del progetto “I Cinque Poderi della Misericordia”, e segueil campus di undici giovani che lavorano al suo sviluppo.

E’ docente di comunicazione per l’editoria, di un corso in rete specialmente dedicato alle donne interessate a quel settore, per potenziarne le capacità lavorative ‘da casa’.

Da quest’ultima esperienza nasce l’idea – in corso di realizzazione – di proporre le qualità di un territorio rurale famoso (Montalcino) come risorsa particolarmente adatta allo svolgimento di brevi percorsi formativi particolarmente intensi, immaginando così anche un’ulteriore attività, per l’imprenditoria del luogo.

RELAZIONI E TESTIMONIANZE

Esomar / Amsterdam-Milano: “The use of Sponsorship in the Marketing Mix”-

Università degli Studi Trento / Facoltà di Sociologia: “Comunicazione e prodotti culturali”-

Ecole d’Architecture de Lyon: «L’Ecole de Montalcino, centre de recherche et d’enseignement »-

Università di Parma /Consulta di Marketing: “Oscar Mondatori, storia del rilancio”-

LIUC / Castellanza: “Dal profit al nonprofit: la comunicazione necessaria allo sviluppo del terzo settore piace ai nuovi cittadini”-

Advertising Age Creative Workshop / New York: “Below the line and Sponsoring, the Oscar collection case history”-

Università di Siena / Scienze della Comunicazione: “Strategie di comunicazione per dare più energia al terzo settore”-

 LIUC / Castellanza: “Il libro e la lettura: come comunicare il valore aggiunto della cultura”-

Istituto degli Innocenti / Firenze: “Io Tu Noi: come comunicare la nuova cittadinanza sociale”-

 Dal 1998 è consigliere del Summit della Solidarietà, del cui comitato esecutivo è anche membro.

dicembre 2003

Silvana Biasutti

e-mail: s.biasutti@excite.it

 

 
 

<< Torna indietro