Lo sviluppo sostenibile

Sviluppo (ecocompatibile, o più comunemente, sostenibile)

Razionalizzazione dell'uso delle risorse naturali e culturali, di tecnologie alternative e di sistemi di produzione mirati al controllo dello spreco delle risorse non rinnovabili

Nodo cruciale della Conferenza di Rio de Janerio nel 1992, dei documenti da essa scaturiti e dei successivi vertici regionali è il concetto di sviluppo sostenibile e della sua attuazione in chiave locale .

Complessivamente la Conferenza di Rio ha adottato, al termine di un lungo processo negoziale 4 documenti: la Dichiarazione di Rio, l'Agenda 21 , la Convenzione sul clima e la Convenzione sulla biodiversità.

L'Agenda 21, che è il documento più articolato e importante, costituisce l' insieme di impegni che i popoli rappresentati a Rio (176!) hanno contratto fino al 2100: prevede un programma di intervento decennale nelle principali aree di integrazione tra economia e ambiente e definisce le priorità sulle quali occorre intervenire per avviare un piano globale di sviluppo sostenibile per il XXI secolo . L'Agenda 21, inoltre, affida alle autorità locali il compito di assicurare lo sviluppo sostenibile mediante azioni strategiche per integrare e coordinare ambiente e sviluppo, di tradurre gli obiettivi globali in azioni locali.
Tali questioni sono state poi riaffermate dalla risoluzione di Goteborg.

La Dichiarazione di Rio contiene 27 principi che ruotano intorno all'idea che l'essere umano (con le sue relazioni, i bisogni etc. etc.) deve essere al centro delle preoccupazioni dei paesi che affrontano le problematiche dello sviluppo.

L'Agenda 21
Carta di Rio de Janeiro - 1992
Risoluzione di Goteborg

Lo sviluppo sostenibile
http://www.ien.it/edu/inquin/pagina6.htm

Programma stralcio sulla tutela ambientale
http://www.parks.it/federparchi/tutela.ambientale/01-07.html

torna indietro