Monte Taishan

Inserito nel 1987 nella Lista del Patrimonio Mondiale per l'eccezionale associazione di fattori naturali e culturali, il Monte Tai (Taishan) è un antico sistema di trasformazione geologico dell'Est della Cina, ricco di fossili del periodo cambriano. Questa regione, nella quale si sono registrate fino a 462 varietà di piante officinali, è ricca anche di alberi secolari. I suoi 22 templi, 97 siti archeologici, 819 stele e 1018 pareti rocciose e pietre incise sono gioielli della ricca cultura cinese, di cui è una dellc ulle. Il Taishan è segnato da tracce di insediamento umano che risalgono a 400.000 anni fa. Nel periodo neolitico (da 5000 a 6000 anni fa), le culture di Dawenkou e di Longshan fiorivano rispettivamente sui versanti nord e sud. Le pendici del monte Tai, che furono più tardi le sedi dei due Stati rivali Qi e Lu, hanno restituito oggetti prodotti dagli artigiani locali tra il 770 e il 476 a.C. Vi si possono ammirare le vestigia di una muraglia lunga 500 km eretta dallo Stato di Qi. Alcuni santuari del Taishan, come il tempio della Roccia celesre, quello della Regina dell'Occidente e quello delle Nuvole azzurrine, sono importanti luoghi di culto buddhisti e taoisti.

torna indietro