l partenariato scuola / istituzioni culturali

La pedagogia del patrimonio entra, nel panorama scolastico italiano, al momento dei grandi cambiamenti legati all'autonomia, non solo delle istituzioni scolastiche, bensì anche dei vari organismi della Pubblica Amministrazione che in tutti i settori hanno imboccato la via della responsabilizzazione di tutti i livelli decisionali.
Per questo processo è necessario ricordare il Decreto Legislativo n. 112 \1998 che, analogamente a quanto avviene nel campo della formazione, prevede il trasferimento di compiti e funzioni dallo Stato agli Enti locali con una loro diretta responsabilità decisionale. Infatti il Decreto ipotizza un'articolata procedura per il trasferimento alle Regioni, alle Province o ai Comuni di beni culturali la cui gestione è attualmente statale. Il dibattito tuttora aperto riguarda la distinzione ipotizzata tra tutela (competenza e funzione che rimane prevalentemente di carattere nazionale) e gestione che verrebbe maggiormente delegata agli Enti locali.
Per i rapporti con la scuola questa prospettiva è certamente di grande interesse perché recupera moltissime esperienze diffuse sul territorio nelle quali province e comuni collaborano con la scuola in progetti e li inserisce in un quadro regionale che dovrebbe consentire un coordinamento territoriale e uno stimolo culturale per l'Italia delle cento città (l'art.154 del Decreto prevede la costituzione di una Commissione regionale per i beni e le attività culturali quale sede di concertazione tra Stato, Regione ed Enti locali per i programmi di valorizzazione e di promozione).

Un'esperienza di avvio è certamente costituita dalle iniziative che l'Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della regione Emilia Romagna ha avviato con una ipotesi di progetto di educazione al patrimonio in E\R (1995) ma, soprattutto, con la consulenza a Comuni e province della regione per progetti di partenariato scuola \ musei e luoghi del patrimonio di proprietà degli Enti locali che hanno portato alla produzione di materiale didattico operativo.
Nel Marzo 2000 L'Istituto ha coordinato un incontro internazionale per la didattica museale nell'ambito dei progetti ADAPT di scambio internazionale a livello europeo i cui risultati sono consultabili alle pagine relative:
www.ibc.regione.emilia-romagna.it/ADAPT/ADPT.PDF

Tratto da Mario Calidoni, "Museo, scuola, beni culturali"