S.M.S. "G. Borsi Livorno

PROGETTO "SPACE"

" Piazze, giochi e mercati nella Livorno del 1600/1700"

Quando l’IRRE- Toscana ha presentato il progetto "Space", nella nostra scuola era già avviata una esperienza di innovazione didattica nell’ambito geo-storico-sociale relativa a luoghi e ambienti significativi per la storia della città nei secoli 1600-1700.

La classe, una seconda di bilinguismo di livello medio-alto, aveva alle spalle l’esperienza di un laboratorio di orientamento svolto nel primo anno scolastico. L’attività, che era caratterizzata dall’osservazione diretta nel territorio e accompagnata dalla rielaborazione su documenti e manuali specifici, aveva stimolato in tutti il desiderio di saperne di più e un più forte senso d’identità.

Per queste ragioni era già in cantiere un nostro più modesto progetto di storia cittadina.

L’incontro con l’IRRE e con il progetto "Space" ha dato maggiore spessore alla nostra esperienza didattica in quanto ha permesso di inserirci in un’area più vasta di intreccio di saperi e autonomia, di collegarci ad altre scuole italiane con conseguente ricaduta di materiali, di strumenti e scambio di esperienze, ma soprattutto ci ha accompagnato lungo una riflessione sul senso del nostro lavoro rispetto a curricolo e senso di appartenenza.

SVILUPPO DEL SENSO DI APPARTENENZA

Ci sembra significativo mettere in evidenza l’ubicazione della nostra scuola, unica ad essere collocata all’interno del perimetro del Buontalenti e adiacente alla piazza del mercato, la Piazza Cavallotti, la più antica, caratteristica e "calda" di tutta la città, ma, allo stesso tempo la più lontana nell’immaginario cittadino dalla cultura ufficiale. Piazza Cavallotti ai livornesi di qualsiasi estrazione culturale richiama più lo spirito trasgressivo e ironico del "Vernacoliere"che non memoria e ricerca storica. Questa è stata la nostra sfida: riportare alla memoria la storia dei nostri concittadini, protagonisti allora come ora, della

vita nell’antica piazza delle erbe. Da qui è iniziata la nostra ricerca e ci ha portato ben presto dai luoghi alle attività che vi si svolgevano e da questi ad altri luoghi ed altre attività simili. Si è scoperto ben presto che, allora come adesso, accanto al lavoro vi era lo svago, la festa cittadina, il gioco d’azzardo, il tentativo di eludere le tasse, gli incontri, gli scontri, gli amori. La storia cominciava ad apparire ai ragazzi la storia di noi stessi ed è stato assai significativo il momento in cui gli alunni hanno preteso di assumere ciascuno un nome antico, tra quelli trovati nella loro ricerca sui documenti cittadini del 1600. Il significato di questa richiesta è apparso così chiaro e forte che tutto il team è stato al gioco assumendo a sua volta nomi storici che da quel momento hanno preso in tutto e per tutto il posto di quelli anagrafici.

IL RUOLO DELLA RICERCA DI ARCHIVIO

Prima di andare ad analizzare il lavoro curricolare dal punto di vista organizzativo, ci preme mettere in evidenza il ruolo fondamentale e caratterizzante che ha svolto nell’economia del progetto la ricerca di archivio, la presenza nel team di un’esperta di archivistica e storia locale e la collaborazione con i bibliotecari di Villa Maria. Senza il contatto diretto con il documento, preceduto e accompagnato da una fase di sapiente lavoro di ricerca guidata, la qualità della nostra esperienza sarebbe stata senza dubbio di gran lunga meno efficace.

A questo proposito, ci permettiamo di consigliare ai colleghi che volessero avviare un percorso di ricerca di archivio di non avventurarvisi senza la guida di un esperto. E’ infatti, indispensabile che vi sia a monte un lavoro di progettazione comune, sì da consentire all’alunno di trovare ciò che cerca e al team di predisporre ciò che l’alunno troverà. In questa fase del lavoro sono stati raggiunti gli obiettivi di apprendimento più importanti del progetto (vedi schede dei moduli del curricolo) che sinteticamente potremmo esprimere in tre concetti:

  • assunzione di una metodologia di ricerca;
  • problematizzazione;
  • potenziamento della motivazione.

Il fatto poi, imprevisto anche per il team, che agli alunni fosse consentito di avere tra le mani codici, leggi, bandi autentici di quattro-cinquecento anni fa, ha portato nel lavoro di ricerca una valanga di emozioni, un forte senso di responsabilità, l’orgoglio di sentirsi giovani cittadini livornesi intenti a riportare alla memoria di tutta la città pezzi di storia vera e dimenticata. In questo caso la scelta di uno strumento e di un metodo di lavoro ha prodotto miracoli non solo sugli obiettivi dell’ambito disciplinare, ma ha dato gambe forti a orgoglio, identità e senso di appartenenza.

LO SPETTACOLO

L’altra caratteristica forte del progetto è stata la decisione di ridare alla Piazza Cavallotti, ormai divenuta focus della ricerca, memoria della sua storia centenaria e di farlo pubblicamente e con grande rigore scientifico e storico. E’ stata, perciò progettata la rievocazione di una ideale sera di festa nella Livorno del 1600, con attività di mercato, di giochi, musiche e danze. L’impegno di ricerca, dopo tale decisione, è stato fortemente indirizzato a reperire notizie certe sin nei minimi dettagli di tutto ciò che sarebbe stato rappresentato nella piazza. Intendiamo dire, ad esempio, che sul banco di verdura poteva stare solo ciò che eravamo riusciti a documentare. In modo analogo si è proceduto per la rievocazione di giochi a carattere sportivo, danze e musiche.

Laddove, nella rappresentazione di piazza, non siamo stati in grado di garantire autenticità (ad esempio difficoltà di reperire bilance d’epoca) gli alunni ne sono stati sempre consapevoli.

Lo spettacolo, avvenuto poi la sera del 13 Giugno, ha visto la presenza nel corteo storico e nella animazione della piazza, di tutte le componenti che avevano interagito nel progetto, (alunni, docenti, esperti, genitori, organi collegiali e dirigente della scuola, associazioni, istituzioni, verdurai).

IL LAVORO CURRICOLARE

Gli obiettivi di apprendimento curricolare individuati nella fase progettuale iniziale erano i seguenti:

  1. promuovere la conoscenza del proprio patrimonio culturale al fine di sviluppare il senso di appartenenza;
  2. sviluppare una metodologia di ricerca;
  3. usare linguaggi specifici;
  4. problematizzare;
  5. generalizzare;
  6. trasferire.

Venivano investite competenze trasversali fondamentali, di abilità di studio e di formazione di cittadinanza. Durante il percorso non ci sono state variazioni significative rispetto agli obiettivi iniziali, ma il procedere ed il fare ci hanno dato la consapevolezza di aver toccato altri obiettivi quali :

  1. la progressività ( favorita dalla dimensione pluridisciplinare del progetto);
  2. la capacità di comprendere fenomeni complessi;
  3. la capacità di orientarsi nella dimensione sociale;
  4. la valorizzazione di corporeità e motricità ;
  5. il potenziamento di capacità estetiche ed espressive;
  6. la capacità di lavorare con gli altri,di autocorreggersi e di valorizzare le risorse del gruppo

il progetto è stato suddiviso nei quattro moduli che seguono:

 

MODULO N° 1

Approccio al progetto "Giochi e mercati a Livorno nel 1600-1700"

ARGOMENTI

STRUMENTI

DURATA

TEMPI

VERIFICA

DOCENTI

Consolidamento dei prerequisiti

Pubblicazioni sulla storia di Livorno.

Lavori svolti nell'anno precedente dagli alunni

Mese

di Ottobre

Tre

ore settimanali

Questionari scritti

Lettere

Approfondimento storia di Livorno 1600-1700

 

MODULO N° 2

Le Piazze

ARGOMENTI

STRUMENTI

DURATA

TEMPI

VERIFICA

DOCENTI

Piazza delle Erbe ieri e oggi

Piazza dei Granai ieri e oggi

Buche da grano

Lezione frontale

Riviste specializzate

Interviste

Fotografie

Rielaborazione grafica al computer

Novembre-Gennaio

Quattro ore settimanali

Questionari

Relazioni individuali di gruppo

Produzione di materiale illustrativo ed esplicativo

Disegni e elaborazioni grafiche al computer

Esperto esterno

Lettere

Matematica

Ed. Artistica

Ed. Musicale

 

DULO N. 3: Ricerca di archivio su giochi e mercati nelle piazze del ‘600

ARGOMENTI

STRUMENTI

DURATA

TEMPI

VERIFICA

DOCENTI

Giochi di piazza a Livorno

1600-1700

Ricostruzione storica Piazza delle Erbe

Gli abiti dell’epoca

Materiale di archivio del Centro di Documentazione di Ricerca Visiva della Biblioteca di Villa Maria.

Bandi e leggi

Uso della macchina fotografica

 

Da febb.

a metà marzo

 

3 incontri di

3 ore

con esperto e collaboratore bibliotecario

14 ore docenza

 

Test di verifica sulla comprensione del documento

Produzioni testuali

 

Lettere;
Scienze
ed. artistica

Esperto di archivistica e collaboratore di biblioteca

 

Rielaborazione in classe su notizie di archivio.

Documentazione varia già elaborata

 

Materiale raccolto nella ricerca e materiale fotografico

Riviste specialistiche.

Immagini dell’epoca

Uso del computer

 

 

Da febbraio a metà marzo

 

 

3 incontri con esperto, 24 ore di docenza

Schede esplicative prodotte dagli alunni

Rielaborazione grafica al computer

 

Lettere
Ed. artistica
Informatica

I due collaboratori esterni

 

 

 

Commerci e alimentazione
nel 1600 e

1700

a Livorno

 

Materiale di archivio

Biblioteca di Villa Maria

Biblioteche cittadine

Internet

Pubblicazioni specifiche

 

 

 

Dal 1 al 20 marzo

 

 

2 incontri con esperto e 12 ore docenza

 

Test di verifica comprensione e produzione

Lettere
Scienze
Informatica

2 collaboratori esterni

Rielaborazione su materiale raccolto

Sistemazione materiale

 

 

Dal 1 al 20 marzo

 

 

16 ore curricolari

 

Verifica produzione schede esplicative

Rielaborazione

Lettere
Scienze
Informatica

 

 

 

MODULO N. 4: La società livornese agli occhi dei viaggiatori inglesi e francesi
musiche e giochi

ARGOMENTI

STRUMENTI

DURATA

TEMPI

VERIFICA

DOCENTI

La società livornese nei diari dei viaggiatori inglesi e francesi (1600/1700)

Scritti tradotti in italiano

Documentazione di archivio

Dal 20 marzo al 15 aprile

14 ore docenza

Test di verifica sulla comprensione del documento

Produzioni testuali

Lettere
Inglese
francese
religione -
Informatica 2 esperti

Ricerca e realizzazione degli strumenti necessari per i giochi di piazza
Realizzazione scenari

Documentazioni storiche di archivio.

Riviste specialistiche.

Interne

tLegno, stoffa, metallo, cartone

Dal 20 marzo al 30 aprile

14 ore di docenza

Materiale realizzato

Lettere
Ed. Artistica
Informatica
Ed. Tecnica

Musiche di Piazza

Biblioteca Labronica

Internet

Pubblicazioni specifiche

Flauto

Dal 20 marzo al 30 aprile

14 ore docenza

Esecuzione musicale

Lettere
Ed.Musicale
Informatica
Ed. Fisica

Allestimento dei giochi di piazza
Allestimento mercato delle Erbe e ricostruzione storica della piazza

Tutto il materiale elaborato fino a questo momento.

Scenografie prodotte

Dal 15 al 30 aprile

24 ore curricolari

Prodotto finale

Tutto il Consiglio di classe

Collaboratori esterni

Il primo breve modulo aveva i seguenti obiettivi:

  • verifica e consolidamento dei prerequisiti ;
  • approfondimento storia cittadina;
  • potenziamento della motivazione.

Il secondo modulo "Le piazze", ha dato l’avvio al progetto vero e proprio ed ha visto formarsi il team ed entrare l’esperto di storia locale. Il lavoro si è svolto in quattro fasi:

  1. l’informazione su materiale specialistico,
  2. l’osservazione nel territorio,
  3. la rielaborazione grafica e multimediale,
  4. la produzione di elaborati.

Durante questo percorso ( tre mesi ) sono state potenziate le seguenti abilità:

  1. rielaborare osservazioni , dati e materiali;
  2. selezionare;
  1. usare linguaggi specifici;
  2. utilizzare strumenti multimediali ( macchina fotografica digitale, computer, scanner, software).

 

Con il terzo modulo " Ricerca di archivio su giochi e mercati nelle piazze del 1600", è iniziato il lavoro di archivio sotto la guida del nostro esperto e la conseguente collaborazione col personale del Centro di Documentazione Visiva della Biblioteca di Villa Maria, archivio della storia cittadina. La ricerca sulle piazze seicentesche aveva spostato l’attenzione alle attività che vi si svolgevano; da qui la decisione di saperne di più e l’individuazione dell’archivio cittadino quale luogo deputato a fornire queste risposte. Questa la procedura usata:

  1. il team predispone il materiale di documentazione;
  2. gli alunni sono forniti di schede che indicano e delimitano il campo della loro ricerca;
  3. il team supporta dal punto di vista linguistico l’interpretazione del documento;
  4. la rielaborazione e verifica in classe.

Questo è stato il modulo centrale del progetto, anche perché l’archivio ci ha messo a disposizione direttamente i manoscritti autentici suscitando negli alunni un forte senso di orgoglio e di responsabilità.

Le abilità potenziate sono state le seguenti:

  1. abilità linguistiche;
  2. selezionare;
  3. porre domande e formulare ipotesi;
  4. generalizzare dal micro al macro;
  5. trasferire.

A proposito della trasferibilità, è stato significativo il risultato raggiunto dalla classe in una prova parallela di analisi del testo, somministrata in quel periodo contemporaneamente alle classi seconde della scuola, che ha dato risultati nettamente più alti rispetto alla media di istituto ( negativi=0, buono=3, distinto/ottimo=24).

Nel quarto modulo " La società livornese agli occhi dei viaggiatori inglesi e francesi- allestimento di musiche e giochi", si è conclusa la ricerca d’archivio e si è realizzata la partecipazione dell'intero consiglio di classe. Durante questo modulo il team al completo ha interagito con le associazioni e le istituzioni nella prospettiva ormai vicina dell’allestimento dello spettacolo di piazza. La necessità di ricostruire abiti, giochi, musiche e danze di piazza, emergenze architettoniche non più esistenti, scenografie, ha richiesto nuove e più vaste competenze. Associazioni e istituzioni sono divenute parte integranti del progetto, e hanno partecipato a tutto diritto alle attività didattiche.

Dal mese di Aprile infatti è iniziata la collaborazione con i seguenti partners nel territorio:

- Associazione di arti sceniche ARS NOVA

  • Associazione "Società di Danza"
  • Associazione storica cittadina "La Livornina"( è quella che ha poi fornito abiti e arredi d’epoca)
  • Circolo del cinema "Kinoglaz"
  • Conservatorio Musicale "P.Mascagni"
  • Classi parallele della scuola ad indirizzo musicale
  • Operatori commerciali del mercato
  • Istituzioni.

Le abilità potenziate in questo modulo, oltre ad essere abilità di studio, sono state soprattutto quelle attinenti all’ambito più specificamente relazionale e socio-affettivo:

  1. conoscenza di sé e dell’altro;
  2. distribuzione di compiti;
  3. valorizzazione delle risorse;
  4. potenziamento della comunicazione e dei linguaggi non verbali;
  5. potenziamento della creatività