“LA CITTA' NEL MONDO ANTICO: ATENE NELL'ATA' DI PERICLE”
LICEO CLASSICO MICHELANGELO, FIRENZE

Insegnanti referenti

Giustina Mannelli
Tina Pelosi
M. Lisa Guarducci

 

a. Presentazione generale

Titolo


"La città nel mondo antico: Atene nell’età di Pericle"

Destinatari del progetto

Classe IV sezione C; 25 alunni; gruppo vivace e dispersivo


Operatori


1 Funzionario della Biblioteca Nazionale di Firenze
confronta la voce con le altre scuole
 
Ambito disciplinare
 

Storia, Lingua e letteratura greca, Storia dell’Arte


Tempi


Anno scolastico 2001- 2002 (inizio del progetto; sviluppo in classe); anno scolastico 2002-03 (conclusione e raccolta documenti)
Anno scolastico 2001- 2002 (inizio del progetto; sviluppo in classe); anno scolastico 2002-03 (conclusione e raccolta documenti)


Spazi
In classe; 1 visita alla B.N.C.F.
confronta la voce con le altre scuole
 
Descrizione sintetica
 

Le nostre città sono ricche di testimonianze storiche: le biblioteche raccolgono quelle ‘per verba’, monumenti e musei quelle ‘per figura’. Lavorando sul programma curriculare di una IV Ginnasio dove è presente la Storia dell’Arte, si porteranno i ragazzi a conoscere la ricchezza di una città antica, Atene, per avviare un discorso di metodo di lettura, indagine e lavoro che li renda consapevoli della complessità e della ricchezza delle città in cui viviamo.

confronta la voce con le altre scuole
 
b. Sistema
 
L’esperienza è stata svolta in modo autonomo dalla scuola
confronta la voce con le altre scuole
 
c. Collocazione curricolare
 
c. Collocazione curricolare

Conoscenza della civiltà greca (lingua, storia, arte). Riflessione sul binomio arte-lingua, bellezza-libertà a partire dal Ginnasio. Riflessione sulla storia di una città come teatro della storia e della cultura dei popoli.


d. Riferimenti teorici
Lettura di un monumento anche con l’ausilio di un testo antico ( es. Pausania)
confronta la voce con le altre scuole
 
e. Il Percorso
 


Motivazione e coinvolgimento degli studenti

Sentirsi cittadini del mondo ed insieme profondamente radicati nella cultura occidentale, della quale Atene rappresenta un modello insuperato. Provocare nei ragazzi una maggiore motivazione allo studio del mondo antico, che li porta già durante le prime fasi del lavoro a sentire naturali e spontanei i collegamenti tra i vari ambiti disciplinari.I ragazzi sono molto interessati alle vicende della storia antica ed il loro coinvolgimento è apprezzabile. Il problema sorge quando dalla libera curiosità di passa ad un lavoro ordinato e metodico sui testi.

Fasi di lavoro

1) Progettazione da parte degli insegnanti;
2) Raccolta dei documenti;
3) Lavoro in classe con i ragazzi;
4) Verifiche e relazioni da parte dei ragazzi;
5) Conclusioni
Prodotto finale

Relazioni da parte dei ragazzi; dispense
Eventuali sviluppi futuri

La città nel mondo antico: Roma imperiale
f. Monitoraggio
Verifiche scritte e orali
g. Valutazione
La valutazione del prodotto finale sarà il risultato di quelle ‘in itinere’.
h. Problemi

Trattandosi di una IV ginnasio, gli studenti sono caratterizzati da una marcata eterogeneità, sia dal punto di vista formativo che conoscitivo. Si delinea già come problema maggiore quello di fare acquisire loro un metodo di lavoro autonomo e nello stesso tempo capace di esprimersi all’interno di un gruppo, ognuno con le proprie capacità e personalità.
confronta la voce con le altre scuole
 
i. Attività di formazione
 
Attività di formazione realizzata nell'ambito del Progetto Space con il coordinamento dell'IRRE Toscana