Progetto Artis
I saperi dell'arte contemporanea

"L'insegnamento artistico deve rivestire, in ogni grado e ordine di scuola, un ruolo sempre più centrale e qualificante. Ad esso non va assegnata solo una finalità di "educazione estetica" (alla fruizione), bensì anche di formazione di una coscienza
percettiva (che sappia cogliere le modalità diverse del nostro "vedere") e di potenziamento della fantasia e dell'immaginazione,
come pure di crescita di una sensibilità rispetto al gioco delle forme e al ruolo stesso della forma nella percezione e nell'esperienza."

L'apparato scolastico dovrebbe svolgere il compito istituzionale elementare di un adeguamento degli studenti al loro presente storico. Lo schema delle informazioni scolastiche appare pressoché arretrato di un ventennio per quasi tutte le discipline oggetto di studio.

La scuola deve ancora assumere coscienza di questa caratteristica dimensione. Il suo futuribile specifico implica, come il suo presente storico, una osservazione critica e l'esercizio di un impegno. L'apertura di una discussione sui futuribili all'interno dell'insieme dei compiti scolastici costituirebbe innanzitutto la chiave per una prima, parziale incrinatura del sistema di idee e di coercizioni attraverso il quale i nuovi cittadini vengono tenuti all'oscuro sia delle forze che effettivamente manovrano i loro interessi e curiosità, sia delle richieste implicite che la società non solo già indirettamente rivolge loro, ma che si prepara a porre loro seccamente, una volta esaurito il ciclo dell'apprendimento. Richieste che, se non soddisfatte, provocano dure, immediate emarginazioni.

L'assunzione di un qualsiasi presente vale come determinazione di una ipotesi su un certo futuro: è quindi importante per la scuola far conoscere nel rispetto dei diversi gradi di approccio al tema, i movimenti di arte moderna e contemporanea, poiché rappresentano, per così dire, i possibili futuri del mondo.

Per questo il nostro Istituto, in collaborazione con la Provincia di Firenze, ha voluto catalogare le opere dal 1900 ad oggi presenti nel proprio territorio e non collocate in "luoghi deputati" alla loro conservazione e fruizione. Si tratta di opere site in musei, banche, piazze, alberghi, comuni ed in luoghi non tradizionalmente adibiti allo scopo, ma comunque accessibili al pubblico. Ne sono nati degli itinerari assolutamente originali che porgiamo all'attenzione dei docenti.

Il primo volume con le opere del comune di Firenze ha come titolo "Guida alla scoperta delle opere d'arte del '900 a Firenze", a cura di Daniela Salvadori Guidi e edito da Leo S.Olschki - Firenze - 1996.

Il secondo volume sempre a cura di Daniela Salvadori Guidi e edito da Leo S. Olschki ha come titolo "Guida alla scoperta delle opere d'arte del '900 nella Provincia di Firenze" - 1999.

E' convinzione di alcuni esperti, che proprio l'arte contemporanea, a volte così lontana dalla nostra comprensione, rappresenti il miglior mezzo espressivo per avvicinare le giovani generazioni alla complessità del fenomeno artistico. Così, convinti di intraprendere una giusta via, sono stati organizzati dal 1989 a tutt'oggi una serie di corsi di aggiornamento e di formazione in servizio rivolti agli insegnanti con la presenza di critici d'arte, artisti ed esperti di didattica svolti in collaborazione con il Centro d'Arte Contemporanea "Museo Luigi Pecci" di Prato, con il Museo Civico di Pistoia e Palazzo Fabroni - Arti Visive e Contemporanee, con il Museo Marino Marini di Firenze, la Fattoria di Celle di Pistoia e ultimamente con lo SMAC (Sistema Metropolitano Arte Contemporanea di FI, PO, PT).

Gli ultimi corsi svolti dal titolo: ARTE AMBIENTATA ARTE AMBIENTALE sono stati documentati dalla rivista n° 4 (periodico del Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato) e dal Sito web realizzato dall'IRRE Toscana: www.irre.toscana.it/artamb

E' in atto una collaborazione tra l'IRRE e l'Istituendo Centro per le Arti Contemporanee di Firenze (ex Meccanotessile di Rifredi) e l'Università di Firenze, facoltà di Architettura, sulla problematica delle sezioni didattiche dei musei (l'Istituto è anche consulente di una tesi di laurea sulla tematica). L'IRRE è anche partner del progetto MultimediArt (programma europeo Socrates Minerva)

PUBBLICAZIONI E MATERIALI DIDATTICI PRODOTTI DALL'IRRE TOSCANA

PROGETTO ARTIS

IL LIBRO "IL SAPERE DELL'IMMAGINE: Arte Contemporanea e Scuola / Atti del
convegno - Prato, 1-2 dicembre 1989 - Centro per l'Arte Contemporanea Luigi
Pecci - IRRE Toscana - La Nuova Italia Editrice / La Nuova Italia, Firenze 1991.

I LIBRI Vol. I° :"GUIDA ALLA SCOPERTA DELLE OPERE D'ARTE DEL 900 A FIRENZE", a cura di
Daniela Salvadori Guidi e edito da Leo S.Olschki - Firenze - 1996.

Vol.II° : " GUIDA ALLA SCOPERTA DELLE OPERE D'ARTE DEL 900 NELLA PROVINCIA DI
FIRENZE", a cura di Daniela Salvadori Guidi e edito da Leo S.Olschki - Firenze - 1999.

IL VIDEO "IL LAVORO ARTISTICO: storia - creatività - fruizione" Corso di aggiornamento novembre - dicembre 1990.

Sempre in riferimento alla nostra produzione sulla tematica artistica, segnaliamo, quale risorsa multimediale, il sito web www.irre.toscana.it/futurismo "IL FUTURISMO IN ITALIA"




Torna all'indice progetti
Torna a collaborazioni


Coordinatore progetto:
Franca Gattini

055/4371711
gattini@irre.toscana.it



www.irre.toscana.it/artamb
selezione di luoghi toscani di arte ambientale arte ambientata
strumenti di lavoro per le classi
significative esperienze didattiche nel settore


Ultimo appuntamento
mercoledì 5 novembre
Salone dei 200 Palazzo Vecchio, Firenze
ore 14.30
presentazione del sito

Arte Ambientale Arte Ambientata,
in "Computer&Internet.
Osservatorio di cultura digitale e design della comunicazione
",
trimestrale, anno VI, n. 22, aprile/giugno 2003, pp. 71-74
http://www.compeint.com/arte.html