Unitarietà delle competenze linguistico-comunicative


Citazione da "Daniela Bertocchi, Non solo italiano: ipotesi per un'educazione linguistica integrata verso l'Europa, LEND, anno XXVIII, settembre 1999"

Un curricolo unitario di educazione linguistica non può prescindere da un'idea di lingua condivisa, almeno nelle sue linee generali, dagli insegnanti. I contenuti basilari sarebbero: gli elementi grammaticali, lessicali e fonologici dei diversi sistemi linguistici, i testi, le abilità linguistiche (ascolto, parlato, lettura, scrittura), i linguaggi. Quando un insegnante, o più insegnanti, lavorano allo sviluppo di abilità linguistico-comunicative attraverso attività condotte con codici linguistici diversi, essi contribuiscono a far crescere, in chi apprende, il livello della comune competenza comunicativa. Secondo il modello cognitivo dell'apprendimento bilingue espresso da Cummins, questa competenza viene rappresentata attraverso la metafora dell'iceberg, che aiuta a comprendere le ragioni profonde dell'integrazione e interazione tra lingue.
In questa metafora la L1 e la L2 sono le due vette dell'iceberg, sono cioè manifestazioni superficiali, differenziate, di un'unica competenza linguistico-comunicativa, che fa riferimento ad un unico "sistema operativo". La parte sommersa dell'iceberg può essere considerata come un grande magazzino, in cui le conoscenze vengono continuamente accresciute, elaborate e riorganizzate: un'unica fonte di esperienze e pensiero alimenta le lingue e ne è, a sua volta, alimentata. Il modello di J. Cummins ci mostra come l'apprendimento linguistico sia strettamente legato alle esperienze, e quindi all'insieme delle conoscenze dell'individuo. nel caso della lingua straniera le conoscenze linguistiche sono ovviamente paragonabili a quelle possedute nella lingua materna, basterà sottolineare che chi sta apprendendo una lingua 'altra' utilizza, anche spontaneamente, strategie che gli permettono di formulare ipotesi sulla sua struttura e sul suo funzionamento, utilizzando procedure di transfer.


(J. Cummins, Bilingualism and Minority Language Children, Ontario Institute for Studies in Education, Ontario 1981)